La Realtà Nascosta

Ritrovando il Mio Passato Ebraico e il Mio Presente Cattolico

Ariela AvidanCresciuta a New York City ed avendo ricevuto un'educazione strettamente cattolica, già in tenera età cominiciai a mettere in dubbio le dottrine della nostra fede. Allora ancora non sapevo che proprio questa ricerca mi avrebbe portato ad un momento nella mia vita in cui avrei ricevuto una risposta a tutte queste domande, e proprio da Dio stesso!

Quando mi si presentò questa rivelazione, mentre ero ancora un'adolescente, ricevetti una risposta a tutte le domande o dubbi che avessi potuto avere rispetto alla mia fede. Dopo questa profonda esperienza, cominciai a comprendere con perfetta chiarezza tutti i bellissimi misteri che mi erano stati insegnati nella scuola cattolica, proprio quelli che avevo messo in discussione. E mi è stato anche incredibilmente rivelato che io sono ebrea, sebbene questo fatto mi era completamente oscuro a quel tempo! Mi si mostrò la perfetta continuazione dei misteri e delle armonie spirituali tra il giudaismo e il cristianesimo. Nonostante la debolezza e i difetti dei suoi singoli membri, la Chiesa rappresenta per noi il regno di Dio sulla terra.

Molti anni dopo, mi trovo ad essere ancora cattolica ma anche osservante del giudaismo. Alcuni anni fa la mia famiglia fece aliyah in Israele per ricevere la cittadinanza israeliana. Così ora siamo ciò che si potrebbero chiamare dei cattolici israeliani. Al momento presente ci troviamo nell'attuale processo di organizzare il nostro ritorno definitivo in Israele, appena il Signore permetterà l'aprirsi di questa porta per noi.

Mio marito è un ebreo messianico, osservante della Torah, e noi viviamo una vita molto simile a quella di ogni altro ebreo ortodosso. Egli crede che il Messia sia Yeshua ma non crede nella Divinità del Messia. Io comprendo la Divinità del Messia e prego che lo Spirito Santo riveli questa verià a mio marito, quando sarà pronto ad accettarla. Quando mio marito fa il kiddush (benedice il pane e il vino prima dei pasti di Shabbat) diciamo anche il Padre Nostro. Osserviamo le leggi kashrut (leggi del cibo kasher) che sono molto semplici per noi da osservare, dal momento che siamo vegetariani.

I giorni delle festività ebraiche sono una gioia da celebrare, perché in ogni giorno di festa sono racchiusi dei tesori di insegnamento spirituale sulla Persona del Messia. Sebbene il modo in cui pratichiamo la nostra fede dovrebbe bastare per sentirsi appagati spiritualmente, a me sembra sempre mancare qualocsa. Il semplice atto di celebrare la messa giornalmente mi dona una tale forza spirituale, che non ho mai sperimentato in nessun altro luogo di culto. Mio marito non capisce perché sono ancora attratta dalla fede cattolica, e tutto quello che posso fare è pregare silenziosamente che un giorno lo Spirito Santo gli riveli ciò che ha rivelato a me.

Comunque, la mia vita è cambiata di 360 gradi in un modo, a dir poco, divertente! Essendo una discendente di avi portoghesi-spagnoli mi ritorovo in una situazione alquanto bizzarra! Segretamente ora celebro giornalmente la messa e ricevo la comunione trovandomi a vivere la vita segreta di una cattolica! Questo è l'esatto contrario di come i miei avi vivevano durante il periodo dell'Inquisizione Spagnola... quando erano segretamente ebrei! Essi professavano la loro fede cattolica apertamente ma vivevano segretamente come ebrei. Così dopo molti anni passati a cercare di essere l'uno o l'altro, stranamente ho trovato la mia pace e la soluzione alla mia lotta spirituale nell'essere ALLO STESSO TEMPO cattolica ed ebrea!

In seguito sono riportati degli estratti presi dal libro che sto scrivendo sulla rivelazione spirituale che ricevetti durante la Guerra dei Sei Giorni in Israele. Questo fu il periodo in cui molti ebrei ricevettero rivelazioni soprannaturali e accettarono il loro Messia ebraico. Dopo la Guerra dei Sei Giorni, Gerusalemme tornò sotto il controllo israeliano dopo 2000 anni di dominio gentile.

Il Messia

Era una giornata mediamente calda nell'estate del 1967, e io ero una semplice adolescente. Chiusi gli occhi per riposare e immediatamente sentii il mio spirito, o ciò che io so essere il "mio spirito" o "me", salire in altro attraverso la mia testa e cominciare ad innalzarsi. Per tutta la durata di questa esperienza mi sono sentita perfettamente normale e non ricordo di aver avuto paura o dolore... ma solo stupore! Mi ricordo di aver pensato che vi era realmente "DI PIÙ" dopo la vita sulla terra. Tutto ciò che insegnano nelle scuole cattoliche sulla vita dopo la morte e il fatto che noi possediamo anime eterne era vero dopo tutto! Mentre mi innalzavo sempre di più, cominciai anche ad accelerare fino a viaggiare così rapidamente che le stelle stesse sembravano dare l'effetto di passare attraverso un tunnel di luce. Ad una certa distanza nel firmamento potei vedere una luce molto forte che sembrava muoversi verso di me, e più mi avvicinavo, più cresceva la mia anticipazione. Anche se non capivo che stavo viaggiando attraverso le galassie, non sentii mai nessun tipo di timore o disagio; ero totalmente a mio agio e mi sentivo piuttosto "a casa mia" come se fossi qui sulla terra. Più mi avvicinavo alla luce e più il mio spirito accelerava verso di essa.

Il momento nel quale raggiunsi quella brillante luce, sentivo che il il mio spirito si stava sciogliendo in quello che potrei al meglio descrivere come un oceano di Amore Divino. Questo amore era così grande e onnicomprensivo che non esistono parole per descriverlo adeguatamente. È l'amore di Dio che è così grande, così sublime e così perfetto che sorpassa tutta l'umana comprensione. In altre parole è così immenso e completo che nonlo si può far entrare nella mente umana o si può descrivere a parole! La nostra mente della carne non può comprendere o tenere in sé questo potente e incredibile amore spirituale di Dio! Mi trovavo in uno stato di estasi totale mentre mi stavo letteralmente sciogliendo in questo oceano di sublime amore che Dio provava per la Sua creazione. Esso era tutto intorno a me e veniva da me e da senza di me e sembrava pulsare della sua stessa vita, mentre si espandeva al di fuori per tutto l'universo. In questo vasto oceano d'amore, e come parte di esso, sentivo una pace e una serenità estreme. Era il riposo di Dio. Era così diverso da qualsiasi altra pace o riposo sulla terra; questo riposo dissipava un'invisibile e costante lotta che tutti noi abbiamo nel vivere sulla terra, ma non ne siamo coscenti. Niente sulla terra potrà mai comparare a ciò, alla "Sua" pace e amore che il mio spirito stava ora vivendo.

Durante tutta questa esperienza e ciò che mi è stato rivelato, non mi ricordo di aver udito delle parole. I pensieri e le informazioni che stavo ricevendo entravano direttamente nella mia mente senza l'uso di parole. Erano trasmessi nella mia mente a forte velocità, in un modo che non sarebbe mai stato possibile sulla terra. La mia mente era inondata da qualcosa che sembrava come se fosse tutta la sapienza e la conoscenza del cielo stesso. Tutte le domande o dubbi che avevo mai avuto venivano risolti con intricati dettagli!

Vidi che la Trinità era esattamente come ci era stata spiegata dalle suore. Vi è un Arco Divno di Tre Persone che compongono il solo e UNICO Dio! I tre sono uno e l'uno è i tre. San Patrizio lo aveva spiegato perfettamente quando usò il trifoglio come esempio per comprendere questo bellissimo mistero dell'unità di Dio.

Mi si mostrò anche che molte cose che per noi sulla terra sono così imporanti, non lo erano affatto nel regno di Dio! Ricchezza, livello di studio, potere politico, fama, bellezza, carisma umano, possedimenti, ecc. non erano assolutamente importati per il Creatore dell'Universo! La conoscenza di Lui, e chi Lui era, amare Lui e i nostri fratelli erano le cose importanti a Dio! Mi resi conto che la verità era qualcosa che non poteva essere osservata con i nostri occhi... perché questo era il dominio dell'Infinito! Quello che potevamo osservare con i nostri occhi non era verità poiché ciò era finito e transitorio. Come esseri umani su questa terra dovremmo tenere presente che noi siamo degli esseri spirituali in un viaggio fisico e il periodo tempo in cui viviamo nella terra di Dio è bellissimo ma transitorio... la nostra vera casa è con Lui nel Suo Reame Eterno. Il Reame Eterno è molto difficile da descrivere in quanto è senza tempo! Tutto ciò che diciamo e facciamo è programmato dal tempo stesso. Noi pensiamo in termini di ore, giorni, mesi e anni ecc. Nel Suo reame semplicemente non vi è un concetto di tempo! Passato, presente e futuro sono racchiusi in uno.

Poi cominciai ad osservare certe cose ed eventi in qualcosa che sembrava un grandissimo schermo di fronte a me. La prima cosa che vidi era un uomo vestito di bianco che stava di spalle. Quest'uomo aveva le mani stese in alto in adorazione ed aveva una cintura d'oro attorno alla vita. Aveva anche un turbante in testa e notai che vi erano delle minuscole campanelle che pendevano dall'orlo del suo vestito. Egli era di fronte ad una specie di altare e stava sacrificando su di esso un piccolo animale. L'altare stesso era fatto di pietre, una sull'altra, e potei notare che non era stata usata della calce nella sua costruzione. Dal sacrificio su questo altare vidi una nuvola di fumo che saliva al cielo, e vi era un'intensa santità e riverenza nella scena che stavo osservando. A quel tempo non avevo idea che cos'era ciò o cosa rappresentava. Tuttavia in seguito capii che questi era il sommo sacerdote dell'antico Israele che stava sacrificando un'offerta per il peccato a favore del suo popolo su un altare consacrato. Questo è il modo in cui Dio comandò di costruire l'altare all'antico Israele, ovvero senza utilizzare della calce per tenere insieme le pietre..

Immediatamente dopo di ciò fui portata in un posto dove potei vedere l'intero pianeta Terra sotto di me. Osservai come qualcosa, da qualche parte sul pianeta, cominciasse a salire. Lentamente, mentre ascendeva, potei vedere che era una croce. Continuò a salire fino a diventare un'enorme grandissima croce sul firmamento! Poi smise di salire e improvvisamente vidi una nuvola di fumo emanata da questa croce circondare la circonferenza della terra. Io capii che, per Dio, l'evento che ebbe luogo sulla croce eccedeva in importanza ogni cosa che sia mai accaduta prima o dopo quel giorno. Fu assolutamente il giorno più importante di tutta la storia, per il Dio che aveva creato il vasto universo. La nuvola era una barriera molto efficiente nel nascondere i nostri peccati agli occhi di Dio! I sacrifici che furono offerti sugli altari dell'antico Israele nascondevano il peccato del Suo popolo Israele davanti a Dio ed erano un perfetto prototipo di ciò che Dio avrebbe donato in seguito, nel tempo e nella storia, a tutte le nazioni sulla faccia della terra!! Questo sacrificio benedetto della sostituzione ora era disponibile per coloro, in qualunque posto si trovassero, che desideravano partecipare al tremendo privilegio di avere la nuvola di misericordia sulla propria vita!! Questa preziosa e inestimabile copertura bloccava i nostri peccati dall'essere visti e quindi dall'essere infine giudicati dal nostro Creatore e Padre! Ciò era in perfetta armonia con il concetto del sangue richiesto per il perdono dei peccati riportato nel libro di Levitico.

E nel firmamento vidi una grande luce, che rapidamente si stava avvicinando. Mentre questa brillante luce si stava approssimandosi, potei osservare che nel centro vi era la figura di un uomo. Mentre Egli si avvicinava sempre di più, la luce divenne brillante come il sole stesso! Era intorno a Lui e radiava da Lui. Il suo vestito era luminiscente e pulsava come se avesse vita in se stesso. Poi, mentre si avvicinava di più, potei anocra catturare la Sua incredibile maestà e bellezza. I suoi occhi erano come torce di fuoco che sembravano bruciare proprio nel mezzo del mio più profondo essere. Mi guardavano fisso con estremo amore e conoscenza. Ero conscia del fatto che la mia anima era nuda davanti a lui e non c'era assolutamente niente che avrei potuto nascondergli. Egli conosceva le ragioni di ogni singolo atto che avevo fatto e che avrei fatto da quel momento in poi. Conosceva i pensieri dietro le i pensieri che avevo avuto e che avrei avuto. Mi conosceva molto meglo di quanto io possa mai conoscere me stessa. La straordinaria e commovente realtà era il fatto che anche se mi conosceva così bene, mi amava e mi perdonava! Era incredibile come, sebbene fossi spiritualmente nuda davanti a lui ed Egli osservava i miei difetti e peccati, mi amava e mi accettava totalmente per come sono!! Poteva osservare TUTTI i peccati e gli errori che avrei fatto durante il corso di tutta la mia vita, prima e dopo quel momento! E tuttavia il Suo amore era così forte, che sorpassava qualsiasi emozione umana avrei mai potuto sperimentare sulla terra. Durante tutto questo io continuavo a non sapere chi fosse questo incredibile essere! Mentre sentivo che il mio spirito si stava sciogliendo sotto l'immenso peso del suo infinito amore e compassione, non potei far altro che cadere ai Suoi piedi.

Appena caddi ai Suoi piedi seppi Chi era questo Essere. Potevo chiaramente vedere che vi erano due cicatrici, una su ogni Suo piede. Tutta la santità e l'incredibile sacralità dei cieli erano emanati dai Suoi preziosi piedi. La piena gioria che sentii mentre ero prostrata ai Suoi piedi è impossibile da descrivere. La mia anima era totalmente appagata, piena e traboccante d'amore e gratitudine. So che sarei stata totalmente contenta di rimanere lì dov'ero, ai Suoi piedi, per tutta l'eternità. Se solo potessi rimanere qui e adorare Lui per sempre! Ondate di riconoscenza emanavano dal mio essere, mentre mi rendevo conto che erano stati i miei peccati che avevano causato le ferite sui
piedi del mio Amato. Questi era il Principe della Pace, la Rocca dei Tempi, il Re dei Giudei, il Messia e Salvatore dell'umanità. E in questo prezioso momento nel tempo Egli non era solo il Salvatore dell'umanità, Egli era il mio Salvatore! Tutto l'amore dell'universo sembrava essere riflesso da Lui a me e da me a Lui.

Il Popolo Eletto

Davanti a me, come in un grande schermo, vidi il viso di un uomo anziano. Capii immediatamente che non era un uomo come gli altri. L'uomo di fronte a me era stato molto speciale a Dio stesso, e io sapevo che questa persona era Abramo, il patriarca. Improvvisamente sentii come se fossi entrata all'interno della relazione che esisteva tra Abramo e Dio. Sentivo il calore e la genuina amicizia che esisteva tra loro.

Proprio come quando noi abbiamo degli amici molto vicini e intimi che stimiamo più di altri amici, così Abramo era il migliore amico di Dio. È quasi impossibile per noi comprendere come possa avere avuto Dio un semplice uomo per migliore amico, ma le Scritture testimoniano questo fatto. A parte Abramo, il pariarca, nessun'altra persona nella storia ebbe l'onore di essere scelto come migliore amico di Dio. “Ma tu, Israele mio servo, tu Giacobbe, che ho scelto, discendente di Abramo, amico mio”. (Isaia 41:8).

Poiché Abramo era molto speciale per Lui, allora tutti i discendenti di Abramo sono molto speciali a Dio. Egli guarda con tenerezza su tutti i suoi discendenti grazie all'amore che aveva per Abramo. Lo stesso amore che sentiva per Abramo è stato tramandato a tutti i suoi discendenti nel corso dei secoli. Il suo amore speciale per Abramo e i suoi discendenti non finirà mai. Lui valuta ognuno di loro come valutava e stimava Abramo. “Benedirò coloro che ti benediranno e coloro che ti malediranno maledirò.” (Gen 12:3). Egli afferma ancora, “chi tocca te tocca la pupilla dei miei occhi” (Zc 2:8).

La pupilla dell'occhio è la parte più sensibile e delicata di tutto il corpo. La pupilla ci permette di osservare le cose intorno a noi, che siano buone o cattive. Affermando che i discendenti di Abramo sono la pupilla del Suo occhio, Dio fa una forte affermazione. Sta dicendo che Lui in realtà vede o tocca il mondo attraverso questi discendenti di Abramo. Egli non li scelse perché essi erano speciali per se stessi, Egli li scelse perché "Lui" è speciale e sceglie di toccare o vedere il mondo attraverso o per mezzo di loro.

Osservai ciò che sembrava essere un grandissimo tessuto che riempiva il cielo davanti a me. Poi vidi il Padre tessere qualcosa in e da questo grandissimo pezzo di stoffa. Io capii che questa stoffa erano le nazioni e quello che Egli stava tessendo era il popolo ebraico! Egli stava facendo questo per benedire le nazioni e per diffondere la Sua luce dove erano stati dispersi, fino ai quattro angoli della terra. Essi erano il filo principale con il quale Egli tesseva il tessuto delle nazioni. Egli li stava mandando a benedire il mondo intero. Non importava se le nazioni e loro stessi non erano consci di questa verità; Dio poteva benedire il mondo solo per mezzi di questi discendenti di Abramo.

Vidi che il mondo era ricoperto con una coperta di tenebre e che il popolo ebraico era come delle piccole luci che brillavano bel buio. Ognuna di loro emanava una luce che brillava nelle tenebre, così che tutte le nazioni potessero vedere. Essi illuminavano le tenebre non da se stessi ma emanavano solo la luce di Dio in loro. Avevano la luce della Parola di Dio, i Suoi comandamenti, i Suoi oracoli, i Suoi giorni di festa. Anche dopo che furono dispersi per tutte le nazioni, portarono questa "luce" con loro. Attraverso i secoli, i nemici di Dio scelsero dei capi carismatici per diffondere il loro veleno tra i gentili e per cercare di spegnere la luce del popolo ebraico che viveva in mezzo a loro. Grandissime onde di antisemitismo si diffusero in varie fasi della storia per realizzare il loro quasi totale annientamento. È molto difficile per me esprimere ciò a parole, ma vidi come il Padre camminava nelle camere a gas insieme ad ogni ebreo che vi entrava. Fu una scena molto commovente... che non dimenticherò mai più!!

Mentre ero nello Spirito, vidi il Padre (non con i miei occhi naturali ma con i miei occhi spirituali, dal momento che con gli occhi naturali nessuno può vedere Dio!) ed Egli era seduto su un trono. Tutt'intorno al trono vi erano grandi gruppi di nuvole. Un'incredibile gloria e maestà riempivano il firmamento. Parole umane non possono descrivere l'assoluto splendore, santità e sacralità che veniva emanata dal Suo essere. Vi è una continua lode e adorazione presentata di fronte a Lui dagli Eserciti dei cieli per tutta l'eternità!! Mentre osservavo questa scena, con grande meraviglia e stupore, potevo vedere che, mentre Egli sedeva sul Suo trono, aveva alle sue spalle gli ebrei e la Sua faccia verso i gentili. Capii che questo significavano i duemila anni della dispersione e sofferenza ebraica. Ciò rappresentava tutta la sofferenza, la vergogna e il disonore che il popolo ebraico dovette subire quando fu disseminato in tutte le nazioni gentili sulla faccia della terra. Dio aveva in realtà nascosto la Sua faccia dal Suo popolo come è scritto: “i vostri peccati gli hanno fatto nascondere il suo volto…” (Isaia 59:2). Mentre aveva le spalle rivolte agli ebrei, la Sua faccia era rivolta ai gentili. Questo rappresenta ‘il tempo dei Gentili’, un tempo di grande benedizione per loro. Fintanto che la luce del vangelo sarebbe stata diffusa e la gente avrebbe vissuto sotto la salvivica grazia del Messia, le benedizioni di Dio sarebbero state messe in atto.

Poi guardai come qualcosa di veramente incredibile comiciasse ad accadere. Il Padre e il suo intero trono cominciarono a ruotare lentamente! E mentre girava, la Sua grazia e le sue benedizioni ruotavano con Lui! Capii che quando la sua faccia sarebbe stata di nuovo rivolta completamente verso gli ebrei, la sua schiena sarebbe stata rivolta verso i gentili. Questo sarebbe poi risultato in un periodo di grandi prove e difficoltà, che le nazioni dei gentili avrebbero dovuto subire. Tuttaviva Dio si stava girando verso Israele, con grande compassione, misericordia e infinito amore. Il suo popolo aveva sofferto immensamente nel corso dei secoli e dovette sopportare tutti i tipi di inconcepibile sofferenza, alla mercè dei cittadini delle nazioni che li ospitavano. Dio stesso aveva permesso ciò, ma qualche volta queste nazioni avevano esagerato. “Consolate, consolate il mio popolo, dice il vostro Dio. Parlate al cuore di Gerusalemme e gridatele che è finita la sua schiavitù, è stata scontata la sua iniquità, perché ha ricevuto dalla mano del Singore doppio castigo per tutti i suoi peccati.” (Isaia 40:1-2).

Come menzionato prima, questa esperienza mi fu data durante la Guerra dei Sei Giorni, nel tempo in cui Gerusalemme tornò di nuovo in mani israeliane. Sebbene lo Stato di Israele fosse già stato istituito, Gerusalemme non tornò sotto il controllo ebraico che nell'estate del 1967. Geù disse che Gerusalemme (non Israele) sarebbe stata calpestata dai gentili fino a quando il tempo dei gentili si fosse compiuto. Questo fu un tempo di grande gioria nei cieli. Comprendo che ora il Padre stesso voglia riportare il Suo popolo nel suo paese, che li voglia far ritornare dai quattro angoli del mondo come tutti i profeti hanno predetto, che li voglia riportare e restaurare e benedire proprio come ha benedetto i loro padri nei tempi antichi.

“Cambierò la sorte di Giuda e la sorte di Israele e li ristabilirò come al principio. Li purificherò da tutta l'iniquità con cui hanno peccato contro di me e perdonerò tutte le iniquità che hanno commesso verso di me e per cui si sono ribellati contro di me. Ciò sarà per me titolo di gioia, di lode e di gloria tra tutti i popoli della terra, quando sapranno tutto il bene che io faccio loro e temeranno e tremeranno per tutto il bene e per tutta la pace che concederò loro”. (Geremia 33:7-9).

Denominazioni

Il Padre aveva la mano estesa sopra una moltitudine di campanili. Io capii che rappresentavano tutte le differenti denominazioni (non cattoliche) che esistono nel mondo. Egli stava benedendo tutte le dominazioni che osservavano la dottrina del vangelo. Egli le benedì perché stava onorando la fede che essi avevano nel sacrificio di Suo figlio. Guardai meravigliata mentre capivo che Lui non guardava realmente i nomi o faceva differenze tra le nominazioni come facciamo noi. Queste barriere e nomi che abbiamo posto alle denominazioni sono tutti fatti dall'uomo e il Padre non li riconosceva. Gran parte del sangue versato e delle guerre avvenute tra le denominazioni nel corso dei secoli sono state fondamentalmente vane. Le denominazioni avevano tutte differito nella loro interpretazione del messagio del vangelo e la sua attuazione in vari gradi di verità.

Solo il Sangue dell'Agnello aveva il potere, in sé e da sé, come provveduto dal Padre, di salvarci! Io vidi anche che tutte le denominazioni avevano errori e difetti nelle loro dottrine....nessuna di esse era perfetta... perché il popolo che le aveva stabilite non era perfetto. Solo Dio è PERFETTO!! Tuttavia, il Padre, nel Suo amore per noi, non guardava molti di questi errori e difetti della dottrina. Nell'osservare la fede che avevamo nel sangue versato dell'Agnello, Egli in qualche modo era in grado di passare sopra i nostri difetti e errori nella dottrina, fin tanto che continuavamo ad osservare le verità fondamentali del vangelo e i comandamenti di Nostro Signore.

La Chiesa Cattolica è a parte in quanto è stata istituita dal Signore stesso. Quando il Signore disse a Pietro ‘Su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa’, Egli istituì la Chiesa come il veicolo per mezzo del quale la Luce sarebbe stata portata alle nazioni gentili. Nello spirito vidi l'incredibile bellezza della fede cattolica stessa! C'erano miriadi di angeli che ci proteggevano mentre vivevamo sotto la copertura spirituale della Chiesa Cattolica. La dottrina della Chiesa è perfetta. I Sacramenti e il fondamento dei beati Apostoli e dei Santi ci offrono un incredibile tesoro nel regno spirituale di Dio! Io vidi la Chiesa Cattolica essere un'estenzione del giudaismo e osservai che non c'era nessuna distinzione tra di essi. La protezione spirituale offertaci sotto il contesto della Chiesa Cattolica è quasi impossibile da esprimere a parole. Ogni aspetto della nostra vita è dolcemente e attentamente orchestrato dagli angeli mentre viviamo sotto il grande ombrello spirituale della fede cattolica! Che incredibile privilegio spirituale vivere sotto la copertura protettiva della Chiesa Cattolica! Noi siamo costantemente protetti da ogni nemico presente delle nostre anime, che ci odia e desidera portarci con lui nel suo regno! Questo nemico è una minaccia costante per noi ed è molto "REALE", sebbene raramente ne siamo consci. Il nemico si apposta dietro ogni angolo, aspettando l'opportunità per ingannarci e per distruggere le nostre vite! Prendere parte ai sacramenti e vivere la dottrina e le direttive della Chiesa Cattolica ci offre in realtà un'incredibile barriera di protezione spirituale nei cieli, che il nemico non può penetrare!

Sì, altre denominazioni cristiane hanno anche delle verità, ma la dottrina della Chiesa Cattolica è rimasta fedele al cuore di Dio. Attraverso la ricchezza degli insegnamenti degli apostoli e dei padri della Chiesa, i suoi mistici, i sacramenti e le nostre radici ebraiche, deteniamo degli immensi tesori spirituali nei cieli! La Chiesa Cattolica si è impegnata fortemente per proteggerci dal cadere proprio in quei peccati che Dio odia e che feriscono le nostre anime. Nell'intraprendere questi peccati e nel non pentirsene, si apre una porta che permette al nemico di toccare le loro vite. Il nemico malvagio delle nostre anime non perde tempo nel cercare di entrare, e poi procede nel prendere il controllo totale delle nostre vite. Molti cristiani che hanno una fede tiepida non sono consci del fatto che non hanno nessua protezione spirituale! D'altra parte dobbiamo capire che Dio ama i peccatori e odia il peccato. Non vi è nessun peccato che Dio non possa perdonare e offre un perfetto perdono ad un cuore affranto. Come Davide afferma nel Salmo 51: "uno spirito contrito è sacrificio a Dio" e a questo Lui non volgerà mai le spalle.

La Dottrina della Chiesa Cattolica si posta per secoli contro i peccati dell'aborto, dell'omosessualità e del divorzio. Questi peccati ci danneggiano in modo particolare perché essi distruggono la sacralità della famiglia e della società come un tutt'uno! Intere nazioni sono decadute perché hanno preso parte a questi peccati, che molte altre denominazioni cristiane moderne hanno già erroneamente accettato come parte del loro sistema di credenza!

Ci sono giorni difficili nel futuro per gli abitanti della terra. La fede di molti di noi sarà messa alla prova. Coloro che professano di essere cristiani dovrebbero cercare di trovare il modo di far crollare il muro di separazione che divide tutti noi credenti nel Messia di Israele! Seguiamo gli insegnamenti di Nostro Signore e impariamo ad amarci l'un l'altro come credenti nel Messia invece di trovare errori e di condannarci reciprocamente. Arriverà presto il tempo in cui avremo bisogno l'un dell'altro!! IL TEMPO È BREVE... Egli sta per arrivare!