Corso Biblico di Cattolici per Israele

Parte I: La Storia di Dio, La Nostra Storia

La Storia della salvezza dalla creazione fino alla venuta del Messia

Vedi: Introduzione --- Portale delle Lezioni --- Parte II: Vivere nel Regno
Compra le presentazioni PowerPoint

Clicca sul titolo della lezione o sull'immagine per aprire la presentazione. Potrebbe prendere alcuni secondi per caricarsi. Dopo che si apre la presentazione, clicca in qualunque punto per avanzare all'animazione successiva. Oppure clicca sulle frecce << >> per navigare tra le diapositive.

Oppure, clicca sulla parola [allegato] per aprire l'allegato riassuntivo pdf della lezione da vedere o da stampare. 


Lezione introduttiva per suscitare domande sul significato della vita, sull'importanza della ricerca della verità, sulle visioni del mondo più comuni, sulla persona umana come corpo e spirito, sul mondo spirituale, sul problema del male e della morte, sull'anelito dell'uomo per un “di più” – tutte queste domande per giungere alla seguente: esiste un Dio "là fuori" che veramente ci tiene a noi? [nessun allegato]


Un riassunto di base del progetto di salvezza di Dio per l'umanità: Dio ci ha creati per amore. Ma il nostro peccato ci ha separati da Lui, e noi non siamo capaci di riparare questa frattura da soli. Gesù il Messia è venuto per riconciliarci con Dio e per darci la vita eterna. Egli ci ha dato la Chiesa Cattolica mediante la quale condivide con noi la via, la verità e la vita. Dio ci chiama al pentimento, a scegliere e seguire Gesù e a unirci al suo Corpo, la Chiesa.


Una visione più dettagliata della storia della salvezza e un riassunto dell'intero corso. Dio ha creato il mondo e stretto un'alleanza con l'uomo, il coronamento della creazione. Ma, tentato dal demonio, l'uomo ha peccato e ha perso la vita di Dio. Dio ha gradualmente ristabilito l'uomo mediante l'alleanza con Noè, Abramo, Mosè, Davide, e Gesù, che ha redento la razza umana mediante il suo Mistero Pasquale. Gesù ha incaricato i suoi apostoli a continuare la sua opera attraverso la Chiesa, fino al Suo ritorno alla fine della storia.


Questa è la prima lezione regolare del corso, a seguito delle tre prime lezioni introduttive. Essa descrive a) come possiamo conoscere con certezza, mediante la ragione umana, che Dio esiste, guardando il mondo fisico e la persona umana; b) alcuni attributi di Dio che possiamo conoscere con la ragione umana: Egli è esistente per se stesso, infinito, uno, eterno, spirito, immanente, transcendente, intelligente e buono, onniscente e onnipotente.


Possiamo conoscere Dio con la ragione umana, ma solo in modo estremamente limitato. Tuttavia se Dio esiste ed è personale, Egli può benissimo volerci parlare. Ma come? Forse attraverso la natura, la rivelazione privata, la preghiera, la religione strutturata? La rivelazione autentica dovrebbe concordare con ciò che abbiamo imparato di Dio con la ragione (lezione A03). Dio si è rivelato progressivamente, in parole e in opere, al popolo di Israele, per giungere alla pienezza della rivelazione in Gesù il Messia. La divina rivelazione è la “cartina della vita” di Dio per noi.


Adesso che sappiamo che Dio ci parla mediante la Sua rivelazione, che cosa ci dice di Se Stesso? Dio rivela Se Stesso come Creatore del mondo e Padre amorevole, e definisce Se Stesso come “IO SONO.” Egli è santo, misericordioso, amorevole e veritiero, e Egli provvede per ogni nostro bisogno. E' anche inclusa qui una narrazione biblica sulla provvidenza di Dio e sul mistero del male.


La preghiera è la nostra risposta alla rivelazione di Dio. Dio ci ha parlato; Egli desidera che anche noi Gli parliamo dal nostro cuore. Ogni persona è chiamata ad una relazione amorevole con Dio mediante la preghiera. Qui troviamo una presentazione storica della preghiera nella storia della salvezza e dell'insegnamento di Gesù sulla preghiera: sono descritte le forme di preghiera, le fonti della preghiera, le espressioni della preghiera, gli ostacoli alla preghiera efficace.


Questa lezione inizia con la storia della salvezza. Dio crea il mondo "dal nulla" con saggezza e amore, per mostrare la Sua gloria e condividere la Sua verità, bontà e bellezza con la Sua creazione. Egli ha creato un mondo invisibile (angelico) e un mondo visibile (terreno). L'uomo è il coronamento della creazione. Il Sabato è il segno dell'alleanza tra Dio e l'uomo; il mondo è un micro-tempio; l'Eden è il santuario, e Adamo è il gran sacerdote dell'umanità.


Dio ha creato l'uomo a sua immagine e somiglianza, come coronamento della creazione. Dio ha creato l'uomo corpo e anima, maschio e femmina, e li chiama all'amore. L'uomo e la donna devono diventare "una carne", fruttificare e moltiplicarsi. Per natura, l'uomo è la creatura di Dio e il suo servo; per grazia, l'uomo è il figlio amato, chiamato a condividere la vita e l'amore di Dio stesso. Adamo e Eva vennero creati in una condizione di santità e di giustizia originaria, in perfetta armonia con la creazione e liberi dalla sofferenza e dalla morte.


Tentati dal demonio e volendo essere “come Dio, conoscitori del bene e del male”, Adamo e Eva hanno disobbedito a Dio e hanno peccato. Conseguentemente, la loro relazione con Dio si è rotta. Essi hanno perso la grazia della loro santità e giustizia originaria e hanno cominciato ad avere paura di Dio. L'armonia tra loro e tra tutta la creazione venne distrutta. La sofferenza e la morte entrarono nel mondo, ed essi vennero cacciati dal paradiso. Adamo e Eva ferirono la natura umana e la trasmisero all'intera umanità in uno stato decaduto, privo della vita eterna di Dio - povero, soggetto all'ignoranza e incline al peccato.


Dio non abbandona l'uomo dopo la caduta ma gli promette una futura redenzione (Gen 3,15). Dio ha cominciato a ristabilire la relazione dell'uomo con Sè attraverso una serie di alleanze. La prima di queste alleanze fu con Noè mediante la quale Dio ha promesso di non spazzare ma più via l'umanità con il diluvio. Il diluvio era una "nuova creazione" che prefigurava il battesimo.


L'alleanza successiva fu con Abramo, che Dio chiamò a lasciare la sua terra per giungere alla terra di Canaan. Dio ha promesso ad Abramo di fare di lui una grande nazione, di rendere grande il suo nome, di benedire attraverso di lui tutte le famiglie della terra. Queste tre promesse vennero poi realizzate attraverso le alleanze mosaica, davidica e la Nuova alleanza. L'obbedianza di Abramo e la sua volontà di sacrificare suo figlio Isacco ha invertito la disobbedienza di Adamo e ha prefigurato il sacrificio di Gesù della Nuova Alleanza.


Le storie dei patriarchi Isacco, Giacobbe e Giuseppe. I figli di Giacobbe costituiscono i padri delle dodici tribù di Israele. La storia di Giuseppe e dei suoi fratelli è un tipo di relazione tra Gesù e il suo popolo.


Attravreso Mosè, Dio ha realizzato la prima promessa ad Abramo di fare dei suoi discendenti una grande nazione. I figli di Israele erano diventati schiavi in Egitto. Dio ha sollevato Mosè per liberarli, infliggendo le dieci piaghe d'Egitto, che culminarono nella Pasqua. Dio ha guidato gli israeliti attraverso il Mar Rosso e ha dato loro la Torah sul monte Sinai, dove li ha adottati come Suo popolo. Adorando il vitello d'oro gli israeliti hanno rotto l'alleanza; ma Dio l'ha rinnovata attraverso la mediazione di Mosè. Il Tabernacolo è il luogo di incontro tra Dio e il Suo popolo.


Il libro del Levitico descrive le leggi riguardanti i sacrifici, la consacrazione dei sacerdoti, le leggi morali, la purezza e la santità… Nel libro dei Numeri, gli Israeliti partono per Canaan. Ma a causa della loro incredulità essi vengno condannati a vagare nel deserto per 40 anni. Il libro del Deuteronomio è la “seconda legge” il patto di Israele che include le concessioni legali, le stipulazioni rituali, le benedizioni e le maledizioni. Dio ha promise di suscitare un altro profeta come Mosè, e intorno all'anno 1400 a.C. Egli finalmente condusse il Suo popolo fino ai confini della Terra Promessa.


Gli israeliti conquistarono gran parte della terra di Canaan – ma non tutta – e la divisero tra le dodici tribù. Durante il periodo dei Giudici gli israeliti entrarono in un un ciclo di peccato, oppressione, pentimento, salvezza e ritorno al peccato. Samuele fu l'ultimo giudice: egli unse Saul che diventò il primo re di Israele. Ma Dio lo rigettò a causa della sua disobbedienza, ed egli venne ucciso in battaglia.


Sotto Davide, Dio realizzò la sua seconda promessa ad Abramo : rendere grande il suo nome. Davide diventò il successivo re di Israele. Egli conquistò Gerusalemme e portò l'Arca del Convegno nella città. Davide trasformò la famiglia nazionale in una famiglia imperiale e in un regno dinastico sugli altri stati e nazioni. Suo figlio Salomone costruì il tempio di Gerusalemme, una casa di preghiera per tutte le nazioni. Ma anche Salomone poi cadde nel peccato e nell'idolatria e il regno cominciò a declinare.


Dopo la morte di Salomone, il regno viene diviso in Giuda (sud) e Israele (nord). I profeti erano la voce di Dio, ammonendo il Suo popolo riguardo al giudizio ma offrendo anche una speranza messianica e la promessa di un "nuovo figlio di Davide". Tutti i re di Israele erano malvagi, e gli Assiri conquistarono il regno del nord nel 722 a.C. La maggior parte dei re di Giuda peccavano, e i Babilonesi distrussero Gerusalemme e deportarono la popolazione nel 586 a.C.


Il sogno del re babilonese Nabucodonosor e altre visioni predissero quattro grandi regni (Babilonia, Medio-Persia, Grecia, e Roma), l'ultimo dei quali sarebbe stato conquistato dal regno di Dio che avrebbe governato il mondo. I medio-persiani conquistarono Babilonia nel 539 a.C. Daniele ha la visione del celestiale “Figlio dell'Uomo” che governerà su tutte le nazioni. Le “70 settimane” del capitolo 9 predicono che il Messia apparirà intorno all'anno 32 d.C. e sarà “eliminato.” Daniele ha una visione del giudizio finale e della fine dei giorni.


Gli ebrei ritornarono a Giuda e ricostruirono il tempio. Neemia ricostruì le mura della città, e il popolo rinnovò l'alleanza con Dio, ma il regno davidico non venne ristabilito. Alessandro il Grande conquistò l'impero persiano nel 333 a.C. Dopo la sua morte, la Giudea passò sotto il dominio prima dei Tolemiti, poi dei Seleuciti. Antioco Epifane oppresse gli ebrei, fino a giungere alla rivolta dei Maccabei e alla dinastia Ammodea. Lo sviluppo del Giudaismo del secondo Tempio : farisei e sadducei. Roma conquista la Giudea e Erode diventa re.


Gli ebrei del periodo del Secondo Tempio nutrivano grandi speranze messianiche. Essi speravano che Dio ristabilisse il regno davidico con la venuta del messia. I profeti avevano predetto che il messia sarebbe sorto dalla tribù di Giuda, un profeta come Mosè, figlio di Davide, e figlio di Dio, nato da una vergine in Betlemme. Egli avrebbe operato miracoli, sarebbe stato una luce per i gentili, e sarebbe stato rigettato dal suo popolo, “trafitto” e sacrificato per i nostri peccati. Questo messia sarebbe venuto prima della distruzione del tempio.


In questa lezione cominciamo lo studio del Nuovo Testamento e di Gesù, Messia di Israele. Il Figlio di Dio diventò uomo per salvarci, per mostrarci l'amore di Dio, per essere il nostro modello di santità, e per farci partecipi della natura divina. Questa lezione guarda ai primi anni di Gesù, dall'Annunciazione a Maria, la nascita miracolosa di Gesù a Betlemme, la sua infanzia e la sua vita umile e nascosta in Nazareth, fino al suo battesimo e alle tentazioni nel deserto.


Una breve trattazione della vita di Gesù, le parole e le opere, dalla proclamazione del Regno, il Sermone della Montagna, le guarigioni e i segni del Regno, le parabole sul Regno, fino all'ingresso trionfale in Gerusalemme la Domenica delle Palme. Il materiale è tratto da tutti e quattro i Vangeli.


Questa lezione riguarda l'evento centrale della storia della salvezza: la passione, la morte, la resurrezione e l'ascensione di Gesù. Durante l'Ultima Cena, Gesù stabilì la Nuova Alleanza con Israele e istituì l'Eucaristia. Tradito da Giuda e abbandonato da tutti, egli venne condannato a morte e crocifisso. La sua morte è il sacrificio pasquale della Nuova Alleanza. Il terzo giorno egli risorse dai morti. Dopo essere apparso per 40 giorni ai suoi discepoli, ascese al cielo e ritornò a Dio Padre.


Questa lezione esamina le affermazioni di Gesù e la sua identità secondo il Nuovo Testamento: gli autori del NT presentano Gesù come vero uomo, Messia di Israele, il nuovo Adamo che ha invertito la disobbedienza del primo Adamo, il nuovo figlio di Abramo e l'agnello sacrificato che il Signore ha provveduto, il nuovo Mosè che guida il Suo popolo in un "Nuovo Esodo", il nuovo Figlio di Davide e re, il "Figlio dell'Uomo", di cui parla Daniele, il Figlio di Dio, Signore e Dio.


Questa lezione esamina le affermazioni della lezione precedente riguardanti l'identità di Gesù e si domanda se esse siano credibili. Prova dell'esistenza storica di Gesù. Gesù può veramente considerarsi ‘solo’ un uomo buono e saggio ? Esame dell'affermazione di Gesù riguardante la sua divinità. La veridicità dei documenti del Nuovo Testamento. Gesù: bugiardo, lunatico o Signore? Esame critico della risurrezione : fatto o finzione?


Gesù ha affermato di essere divino, tuttavia distinto da Dio Padre – pur continuando a ribadire la credenza ebraica nell'unico Dio di Israele. Come è possibile? La pluralità di Dio nell'AT e nelle fonti ebraiche. La "Parola di Dio" e "l'angelo del Signore". L'angelo Metatron, un “Figlio di Dio”? La divinità del Messia nell'AT. Lo Spirito di Dio. La Trinità nel NT: unico Dio, tre persone. La seconda persona : la conoscenza di Dio, l'idea, la parola, il Figlio. La terza persona : lo spirito di Dio, l'amore di Dio. Introduzione all'opera della Trinità, che può estendersi al resto del corso.


Ora che abbiamo visto che Dio é un'unità di tre persone, ritorniamo ad esaminare l'opera della seconda persona : l'Incarnazione e la Redenzione di Gesù. La morte redentiva del Messia ci ha riconciliati con Dio. I quattro modelli di espiazione: la piazza del mercato, il campo di battaglia, la corte giudiziaria, e il tempio.


Ora guardiamo alla terza persona della Trinità : lo Spirito Santo - aiutante, consolatore, Signore e donatore di vita. L'opera nascosta dello Spirito Santo dalla creazione fino alla venuta del Messia. La relazione speciale dello Spirito Santo con Maria, la madre di Gesù. Gesù visse nella pienezza dello Spirito Santo, e promise di mandare lo Spirito ai suoi discepoli dopo che Egli li avrebbe lasciati. Lo Spirito Santo venne riversato sulla Chiesa a Pentecoste - l'amore santificatore di Dio si è riversato nei nostri cuori. L'opera dello Spirito Santo nella Chiesa e come possiamo riceverLo.


Questa lezione è un'introduzione alla Chiesa Cattolica. E' un ponte tra la comprensione della vita interiore della Santissima Trinità, che abbiamo appena studiato, e il vivere e il condividere questa vita divina con il corpo del Messia - la Chiesa - l'oggetto della seconda metà del corso. Gesù ha istituito la Sua Chiesa - una, santa, cattolica e apostolica - per dispensare i misteri della Santissima Trinità attraverso il ministero di profeta, sacerdote, e re (Scrittura, Tradizione e Magistero). Dio condivide la Sua vita mediante i sette sacramenti della Chiesa, uniti ai santi del cielo e della terra, e specialmente con Maria nostra madre.


Gesù il Messia ritornerà di nuovo nella gloria alla fine della storia, e il regno di Dio verrà nella sua pienezza. Prima del suo ritorno ci saranno molte guerre, il Vangelo sarà predicato a tutte le nazioni, aumenteranno le persecuzioni contro i cristiani e ci sarà una grande apostasia nella Chiesa. Falsi profeti inganneranno molti, fino a giungere all'anticristo. La seconda venuta di Gesù è sospesa fino al suo riconoscimento da parte di tutto Israele. La risurrezione del corpo e il giudizio finale saranno seguiti dalla creazione di nuovi cieli e nuove terre e dal ritorno della razza umana all'albero della vita nel paradiso.


Vedi: Introduzione --- Portale delle Lezioni --- Parte II: Vivere nel Regno
Compra le presentazioni PowerPoint